Il colloquio di lavoro nell’informatica: come affrontarlo con successo

Se sei stato convocato per un colloquio di lavoro, significa che hai già superato il primo scoglio, la selezione del curriculum. È arrivato quindi il momento fondamentale, quello in cui incontrerai per la prima volta la società di recruiting o il responsabile delle risorse umane dell’azienda. Vediamo come affrontare un incontro di selezione nel settore informatico e come superarlo nel modo migliore.

Come prepararsi al colloquio di lavoro

“La preparazione è il 90 per cento del successo” è un motto che vale sempre, anche in questo caso. Ecco che cosa fare prima del colloquio:

 

  • Fai una lista dei requisiti elencati dall’azienda e confrontali con le tue competenze, analizzando punto per punto l’annuncio di lavoro. Ti aiuterà a capire quali potrebbero essere i punti di forza da mettere in evidenza ed eventuali punti deboli che il selezionatore potrebbe voler approfondire.

 

  • Cerca informazioni sull’azienda: di che cosa si occupa, quali sono i suoi prodotti o servizi, se ci sono notizie recenti che la riguardano. Dimostrerai che non vuoi solo un posto di lavoro, ma che sei interessato all’azienda dove vorresti lavorare.

 

  • Verifica il tuo sito e i tuoi profili social e aggiornali con competenze, progetti, lavori: le aziende e le società di selezione controllano la presenza online dei candidati. Se quindi, da un lato, è opportuno fare attenzione a ciò che si pubblica, dall’altro è utile sfruttare bene questi canali per farsi conoscere: profilo LinkedIn e sito, se ce l’hai, dovrebbero essere sempre aggiornati e presentare al meglio ciò che sai fare.

 

Hard skills e soft skills: le domande più frequenti nel colloquio di lavoro per informatici

La prima cosa che ti aspetti, se ti sei candidato per un lavoro informatico, è che ti chiedano di approfondire le tue conoscenze tecniche, ovvero le hard skills, le capacità che sono necessarie per ricoprire uno specifico ruolo.

Le domande sulle capacità tecniche dipenderanno dal lavoro in questione, ma in linea di massima potrebbero riguardare:

 

  • i linguaggi di programmazione conosciuti
  • i sistemi, processi, strumenti utilizzati
  • le certificazioni conseguite

 

Per essere certo di non dimenticare niente, puoi consultare questa lista delle 50 domande tecniche più frequenti nei colloqui informatici, che viene aggiornata periodicamente. È basata sull’esperienza statunitense, ma le competenze informatiche sono le stesse richieste anche da noi.

Il colloquio è un’opportunità non solo per raccontare di persona le proprie competenze ed esperienze, ma soprattutto per mostrare tutto quello che dal cv non emerge, ovvero le soft skills, le capacità trasversali come la comunicazione, il lavoro di gruppo, il problem solving.

Sarà quindi probabile che ti rivolgano domande sulle capacità comportamentali, per esempio:

 

  • come ti trovi a operare in un gruppo di lavoro
  • come organizzi il tuo lavoro
  • come risolvi i problemi che ti trovi ad affrontare
  • come gestisci il tuo tempo, le priorità e le scadenze

 

Colloquio motivazionale e colloquio tecnico

Si parla in genere di “colloquio”, ma con tutta probabilità ti troverai ad affrontarne due: il colloquio motivazionale e il colloquio tecnico.

Nel colloquio motivazionale, come dice il nome, verrà approfondita la tua motivazione a ricoprire quel ruolo in quell’azienda: si parlerà quindi di caratteristiche personali, di soft skills e di aspirazioni professionali.

Nel colloquio tecnico, invece, si verificherà la tua preparazione per il lavoro per il quale ti sei candidato, discutendo nel dettaglio le tue capacità tecniche e le esperienze precedenti: potranno sottoporti casi concreti da risolvere o prove pratiche, per esempio la scrittura di una parte di codice, su carta o su pc.

 

Non sempre i due tipi di colloquio si svolgono insieme, né con le stesse persone. I casi più frequenti sono due:

– nella ricerca diretta da parte di un’azienda per un ruolo informatico, entrambi i colloqui sono condotti in genere dal responsabile aziendale delle risorse umane e dal project manager o dal responsabile dell’area IT;

– se si tratta invece di una posizione ricercata da una società che fornisce personale informatico a grandi imprese, la società stessa effettua innanzitutto il colloquio motivazionale; superata questa prima fase, il candidato incontra il project manager per il colloquio tecnico e, se anche questo va a buon fine, affronterà poi l’incontro finale con l’azienda nella quale verrà inserito.

I consigli degli esperti per un colloquio IT di successo

In conclusione, ecco le quattro regole fondamentali per gli informatici suggerite da Gianna Scorsone, vice presidente di Mondo, la più grande società americana di ricerca e selezione specializzata esclusivamente nell’Information Technology:

  1. Dimostra di essere informato sull’attività dell’azienda e sul suo settore, spiegando quali strumenti utilizzi per tenerti aggiornato (siti, riviste, libri, corsi, webinar)
  2. Racconta la tua esperienza e spiega come lavori, illustrando nel dettaglio ciò che sai fare e come lo fai
  3. Descrivi un problema tecnico e come l’hai risolto: il problem solving è una funzione fondamentale per i ruoli tecnici
  4. Parla dei tuoi interessi: mostrano la tua personalità e la tua capacità di integrarti nell’ambiente e nella cultura aziendale

 

Aggiornamento, metodo, problem solving e cultura aziendale sono, secondi gli esperti, i quattro punti di forza che ti aiuteranno a presentarti come il candidato ideale e a superare brillantemente il colloquio di lavoro.

 

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *