Home Articoli Professione Analista Funzionale: chi è e di cosa si occupa in azienda

Professione Analista Funzionale: chi è e di cosa si occupa in azienda

da Cassandra Testa
professione analista funzionale

Se sei appassionato di informatica e stai pensando di iscriverti all’università per assecondare la tua passione e trasformarla in un lavoro, allora potresti prendere in considerazione la professione di analista funzionale.

Gli analisti funzionali sono responsabili dell’analisi dei processi all’interno di un’azienda, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze dei clienti. Fungono da collegamento tra gli utenti e il team tecnico incaricato di sviluppare una determinata applicazione. Diamo un’occhiata più da vicino al ruolo di un analista funzionale.

La terminologia alla base dei ruoli aziendali può spesso essere ampia e non specifica, il che li rende più difficili da definire. Ciò è particolarmente vero quando ci si riferisce al ruolo di un analista funzionale.

Chi è un Analista Funzionale?

Gli analisti funzionali aiutano le aziende a massimizzare l’uso del loro software al fine di raggiungere obiettivi o scopi specifici, di solito specializzandosi in una determinata linea di business. Per fare ciò, studiano il sistema, le procedure attuali dell’azienda e quindi creano una serie di suggerimenti per aiutare a ottimizzare i processi aziendali in termini di obiettivi del cliente.

I compiti di un analista funzionale includono anche la raccolta di informazioni da dipendenti e manager, la progettazione di software o sistemi informatici per raggiungere gli obiettivi dell’azienda, la conduzione di seminari, la supervisione dell’implementazione di nuovi sistemi e la creazione di report per il team di gestione. 

Possono anche essere incaricati di scrivere manuali per l’utente, condurre corsi di formazione e analisi di adattamento/divario.

Per questo ruolo, i datori di lavoro di solito cercano candidati con almeno una laurea in economia, informatica, tecnologia dell’informazione e altri campi correlati. Inoltre, preferiscono candidati con precedenti esperienze lavorative in un lavoro simile, nonché eccezionali capacità di comunicazione, strategia aziendale e gestione delle persone.

Che Differenza c’è tra un Analista Funzionale e un Analista Aziendale?

Per spiegarlo chiaramente, mentre un analista aziendale è più concentrato sul lato della gestione aziendale, un analista funzionale necessita di competenze tecniche più forti e di solito si occupa di responsabilità tecniche più avanzate.

Un analista funzionale aiuta la propria azienda a utilizzare i sistemi software per scopi specifici come compiti finanziari o gestionali.

Che Responsabilità ha un Analista Funzionale?

Gli analisti funzionali sono responsabili dei sistemi informatici necessari per soddisfare le esigenze di un’organizzazione. Solitamente iniziano la propria attività analizzando prima quali siano gli obiettivi aziendali, intervistando dipendenti e dirigenti. Quindi studiano i sistemi esistenti e cercano gli aggiornamenti appropriati per le tecnologie attuali.

Sono, inoltre, responsabili della modellazione dei dati, della preparazione di rapporti al fine di raggiungere il bilanciamento di costi e benefici, dell’installazione e della configurazione delle metodologie migliorate da loro suggerite o dell’aggiornamento di quelle esistenti.

Conducono, in aggiunta, test per garantire che i sistemi funzionino come previsto, preparano manuali utente, anche altre documentazioni, e infine insegnano ai dipendenti come utilizzare i sistemi.

Responsabilità principali di un analista funzionale:

  • Analizzare e valutare le prestazioni dei sistemi esistenti.
  • Eseguire l’analisi delle lacune e suggerire soluzioni.
  • Creare piani di cambiamento in base ai requisiti analizzati.
  • Facilitare la gestione della configurazione.
  • Effettuare modifiche ai documenti attuali e relativi manuali didattici.
  • Collaborare con altri membri del team per implementare le modifiche in modo efficiente.
  • Simulare e testare i suggerimenti fatti per le prestazioni.
  • Scrivere manuali utente e preparare documentazione di facile comprensione.
  • Valutare, installare e risolvere i problemi dei sistemi software.
  • Verificare la funzionalità del prodotto finale.

Quali sono le Abilità Richieste ad un Analista Funzionale?

Per avere successo nel ruolo di analista funzionale, è importante possedere forti capacità analitiche e di pensiero critico, nonché conoscenze tecniche approfondite. Bisogna essere esperti nella comprensione di informazioni altamente tecniche per la pianificazione del progetto.

Questo ruolo è particolarmente adatto a qualcuno che sia a suo agio in ruoli di leadership e ami guidare le persone nei team. Sono, quindi, importanti forti capacità interpersonali e di gestione di un gruppo di persone.

Abilità richieste per la professione di analista funzionale:

  • Conoscenza approfondita dei principi dell’informatica e delle tecnologie.
  • Funzionalità avanzate di Excel e conoscenza di SQL.
  • Conoscenza del data warehousing.
  • Forte capacità di leadership e capacità interpersonali.
  • Pensiero analitico e critico.
  • Forti capacità di comunicazione scritta e verbale.
  • Capacità di leadership e multitasking.
  • Capacità di utilizzare la notazione (BPMN) e i sistemi di modellazione (UML).

Quale Background deve avere un Analista Funzionale?

Per diventare un analista funzionale, avrai bisogno almeno di una laurea in Informatica o Scienze dell’informazione. I candidati solitamente provengono da un background nel mondo degli affari e mostrano spesso sufficienti conoscenze e abilità tecniche.

Alcuni datori di lavoro di aziende più strutturate preferiscono un candidato in possesso di MBA con una specializzazione nei sistemi informativi.

Inoltre, grazie alla focalizzazione su settori specifici, potresti trarre grandi vantaggi dall’esperienza nel settore in cui opera una certa organizzazione. Ad esempio, un analista che lavora nel dipartimento finanziario dovrebbe avere un’esperienza adeguata con il software finanziario pertinente.

Quanto Guadagna un Analista Funzionale?

Secondo il portale Talent.com, lo stipendio medio per un analista funzionale in Italia è di circa € 32.500 all’anno. Le posizioni “entry level” percepiscono uno stipendio di circa € 25.500 all’anno, mentre i lavoratori con più esperienza guadagnano fino a circa € 44.500 all’anno.

Come si diventa un Analista Funzionale?

Se sei interessato a diventare un analista funzionale, il primo punto più importante è il conseguimento di una laurea nel settore della tecnologia e dell’informazione. Potresti acquisire, inoltre, ulteriori competenze frequentando un master o un percorso di specializzazione post-laurea specifico.

I percorsi di studio più adatti per diventare un analista funzionale sono:

  • una laurea in Informatica;
  • una laurea in Ingegneria Informatica;
  • una laurea in materie economiche;
  • una laurea in materie tecnico-scientifiche.

È consigliato, inoltre, avere conoscenze nell’analisi dei dati che comprendono un’ottima conoscenza dell’utilizzo di Excel e del linguaggio SQL (Structured Query Language) per la consultazione e interrogazione di database.

A conclusione di questo articolo di approfondimento dedicato alla professione dell’Analista Funzionale, ti invitiamo a consultare le relative offerte di lavoro attive su Reteinformaticalavoro

Buona ricerca!

Articoli correlati

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti